Il blog dedicato al mondo della tecnologia
Artikel getaggt mit: musica

La tua musica sul tuo pc grazie a GrooveShark

La tua musica sul tuo pc grazie a GrooveShark. Sarebbe comodo avere qualsiasi canzone sul proprio pc da ascoltare in streaming? crearsi la propria playlist, la propria web radio, solo con la vostra musica preferita.. oggi è possibile grazie a GrooveShark. Ah, dimenticavo. E’ GRATIS!

La tua musica sul tuo pc grazie a GrooveShark.

In questo articolo vi presento GrooveShark, un sito web, che vi permetterà in modo gratuito di crearvi la vostra playlist ed ascoltare tutti i brani che volete sul vostro pc in streaming e sopratutto in maniera gratuita! Il sito distribuisce ogni mese oltre 60 milioni di canzoni a circa mezzo milione di utenti. Fu’ fondato da 3 studenti nel 2006. Il tutto è rigorosamente legale, infatti , il sito non permette il download gratuito delle canzoni, proteggendole così dalla copia illegale. Il sito è totalmente compatibile grazie ad una Apps a tutti gli iPhone, BlackBerry e tutti gli smartphone piu’ recenti. Il servizio è disponibile anche in una versione a pagamento, che offre ancora piu’ funzionalità del servizio gratuito, come ad esempio è senza pubblicità. Oppure tramite una registrazione gratuita è possibile salvarsi le playlist, così da non dover rifarle ogni volta, e salvarsi i brani piu belli. Che aspetti? Vai su Grooveshark!

La tua musica sul tuo pc grazie a GrooveShark.

Ipod ed itunes uccidono la musica

Hanno il sapore della provocazione mista ad una feroce critica le parole rilasciate da John Bon Jovi, leader dell’omonimo gruppo rock. Secondo il cantante in un intervista rilasciata al giornale Sunday Times Magazine è proprio il creatore della marchio apple, steve jobs, ad aver minato profondamente il piacere di ascoltare ed usufruire della musica negli ultimi anni. Bon jovi si riferisce non solo all’ipod, strumento oramai per molti essenziale per ascoltare musica ma anche ad itunes, il sito creato dalla stessa compagniadi Jobs che permette di scaricare legalmente e pagando anche solo singole canzoni desiderate senzadover per forza pagare per l’intero album. La critica maggiore il cantante la rivolge alla mancanza della magia che a suo dire sarebbe scomparsa a causa di un utilizzo della musica sempre più legato al filo informatico.
[quote]Oggi ai ragazzi manca l’esperienza di mettere le cuffie, alzare il volume al massimo, prenderela copertina dell’album, chiudere gli occhi e perdersi nel disco[/quote]
queste le parole del cantante che per cui a suo dire i più danneggiati sarebbero i giovanissimi che ormai conoscono un unico modo di usufruire della musica, appunto attraverso supporti digitali. Sempre per lui sarebbe scomparsa la magia dell’avere un cdfisicamente tra le mani, leggene la copertina, sentirne l’odore

Bon Jovi da rocker navigato quale è sa di inimicarsi una larga fetta di pubblico, infatti non per nulla si auto definisce “vecchio” nell’intervista per il suo modo di pensare riferito ad un mercato come quellodella musica che negli ultimi dieci anni da Napster in poi si è evoluto ad una velocità impressionante. Maleggendo le sue parole verrebbe da pensare se il suo rancore nei confronti di Jobs e del mercato che lui ha contribuito a modificare sia dettato da una non precisata nostalgia per i supporti musicali analogici o è solola consapevolezza che attraverso il supporto digitale chiunque può spendere molto meno per ascoltare musica? Solo i meno svegli propenderebbero per la prima ipotesi.