Il blog dedicato al mondo della tecnologia
Artikel getaggt mit: eCommerce

Visa e Square – nuovo binomio per i pagamenti online

Visa e Square – nuovo binomio per i pagamenti online. Le strade dell’ecommerce sono infinite. Sembra che abbiano pensato questo i vertici di Visa nell’annunciare la loro prossima partnership lavorativa con Square, startup di pagamenti mobili la cui caratteristica è di rendere i propri telefonini di ultima generazione come delle vere e proprie carte di credito, semplificando notevolmente la compravendita online. Il rapporto tra Visa e Square sembrerebbe, almeno nelle intenzioni, beneficiare ad entrambe che troverebbero nell’altro sia un valido alleato in ambito di sviluppo, che il miglior modo per aumentare la visibilità di entrambi. Ciò è confermato dai portavoce di entrambe le aziende che sottolineano come tale accordo economico sia atto a facilitare ulteriormente il commercio online.

Visa e Square – nuovo binomio per i pagamenti online cosa ne pensi?

e-commerce in Italia – crescita da record

Anche l’Italia sembra apprezzare le potenzialità del commercio on line. E’ questo quello che si apprende da uno studio secondo il quale in Italia il commercio on line è cresciuto del 43% fatturando oltre 14,3 miliardi di euro. Una cifra di gran lunga superiore rispetto gli anni precedenti. Insomma i dati parlano chiaro. Anche L’italia si è adeguata a quello che a conti fatti è un’attività imprenditoriale vera e propria e non limitata ad una ristretta cerchia di appassionati internauti. Un tempo i negozi, i centri commerciali erano il fulcro della compravendita, un predominio che non possono più vantare a tutto vantaggio delle attività imprenditoriali sul web. La crescita esponenziale non sorprende gli addetti ai lavori ma crea qualche perplessità nei non addetti considerando l’iniziale scetticismo che circondava l’italiano medio nei confronti della compravendita online. Considerata un tempo insicura e fautrice di truffe. Perplessità che sembrano essersi diradate col tempo. Tra gli oggetti più comprati secondo le stime ufficiali abbiamo quelli dedicati al tempo libero, seguiti dal turismo e dall’elettronica. Un altro aspetto che ha permesso un maggior scambio di prodotti via web è stata l’apertura in italia di colossi del settore come Amazon e Groupon che già in gran parte del mondo hanno basato le loro fortune su politiche di prezzo altamente concorrenziali e aggressive. Per quanto riguarda gli aspetti futuri per il 2011 ci si aspettano maggior investimenti riguardo il marketing e la sponsorizzazione. Due aspetti fondamentali per chi decide di vendere. Ovunque decida di farlo.

eCommerce – vantaggi e dubbi

Che sia un mercato in netta e costante crescita è innegabile. Sono le statistiche a parlar chiaro. Ci riferiamo al mercato dell’eCommerce o comunemente conosciuto come commercio elettronico. Infatti la compravendita on line, in particolar modo negli ultimi anni, ha rappresentato un settore dove a dispetto di una manifesta crisi del commercio “reale” non ha palesato cali drastici di sorta. Eppure è un settore che porta con sè numerose polemiche tra chi lo considera un’innovazione imprescindibile e chi diffida di qualsiasi cosa si possa vendere su internet, temendo una truffa sempre pronta dietro l’angolo. Ma per capire meglio il tutto bisogna fare un passo indietro. L’eCommerce oramai rappresenta nei paesi anglofoni una consolidata realtà. Sempre più persone decidono di vendere e comprare prodotti attraverso la rete. I motivi sono semplici. Primo fra tutti un netto risparmio. Risulta chiaro del resto che il primo motivo che farà propendere qualcuno a comprare qualcosa attraverso la rete sarà rappresentato da un risparmio maggiore rispetto ai canali di distribuzione reali. Punto due è la comodità. Si può comprare qualsiasi cosa seduti comodamente da casa propria senza l’assillo della ricerca per negozi che a tratti può risultare infruttuosa e stressante. Morale della favola, un netto risparmio di tempo. Per quanto riguarda i venditori al contrario i vantaggi sono semplici, primo tra tutti l’enorme clientela potenziale che si ha a disposizione mettendo in vendita il proprio prodotto, clientela che nel mondo reale apparterrebbe ad un ventaglio opzionale di gran lunga minore. Detto così sembra tutto rosa e fiori però, e non è questo il caso. Non sporadici risultano i casi di truffe o raggiri ai danni dei consumatori, nonostante i controlli delle autorità preposte come la polizia postale, aspetto questo che fa desistere dal comprare on line soprattutto i meno esperti, quelli che non sanno come muoversi in un mondo che offre tante possibilità quanti pericoli, come appunto quello del commercio on line. Per questo appunto è preferibile rivolgersi sempre a venditori che dimostrano la loro professionalità e serietà. Il che non è sempre così semplice. Per quanto riguarda l’Italia l’eCommerce è un fenomeno ancora elitario ma destinato con gli anni a superare le naturali barriere della diffidenza, in un modo o nell’altro. E’ la legge dei grandi numeri.