Il blog dedicato al mondo della tecnologia
0
 

Microsoft Office – le ragioni di un dominio

Banner

Se si dovesse pensare ad uno dei programmi che con tutta probabilità si trova sulla maggior parte dei computer uno dei primi nomi a venire in mente sarà senza dubbio quello di Microsoft Office. E’ innegabile come l’applicazione per l’elaborazione grafica e di testo di Microsoft sia diventata nel corso di vent’anni uno dei capisaldi per chiunque usi un pc, che sia per lavoro o passione poco importa. Il dato che fa riflettere però è un altro. Negli anni sono nati come funghi programmi simili, spesso anche gratuiti e scaricabili facilmente dalla rete, eppure Office ha conservato intatto il suo predominio e non è stato scalfito minimamente da nessun tipo di concorrenza. Allora verrebbe da chiedersi quali siano le ragioni di un tale e incontrastato successo. Ce ne sarebro di molteplici. Prima forse fra tutte la fidelizzazione che con gli anni ha creato con gli utenti. Quasi un raporto simbiontico. Nel mondo milioni di affezzionati consumatori di Office saranno restii ad abbandonarlo dopo anni di assoluta fedeltà, quindi nonostante prodotti più o meno simili sceglieranno sempre Office. Poi c’è la funzionalità che spesso è di gran lunga superiore ai suoi concorrenti. L’affidabilità nel tempo. L’interfaccia semplice ed intuitiva. E aspetto da non sottovalutare la sua diffusione. Infatti avendo i più Office, per tutti sarà più conventiente scambiarsi, qualora ne avessero bisogno, file leggibili attraverso l’applicazione Microsoft piuttosto che convertirli in un altro formato. Tutti aspetti che società concorrenti dovranno tener conto se un giorno vorranno scalfire il dominio incontrastato di Office sul mercato.

Potrebbero interessarti anche questi altri articoli:

  1. Apple sconfigge nei guadagni Microsoft
  2. Skype è di Microsoft per 8,5 miliardi
  3. In un’infografica Microsoft la storia delle Email
  4. Microsoft annuncia internet explorer 9
  5. Microsoft e l’acquisto di Skype
Banner
Scritto da il 17.05.2011 alle 11:23
Tags: /
 

Scrivi il tuo commento...