Il blog dedicato al mondo della tecnologia

Un milione di dollari da Google per un bug

Banner

Un milione di dollari da Google per un bug. L’azienda di Mountain View ha messo in palio premi da un minimo di 20.000 dollari fino a ben 1 milione di dollari a chiunque fosse in grado di trovare qualche falla di sicurezza nel noto browser Google Chrome. L’anno scorso nessuno è riuscito nell’impresa, quest’anno sarà di nuovo così? Chissa…

Un milione di dollari da Google per un bug.

Google ha deciso di mettere in palio ben un milione di dollari per chiunque fosse in grado di trovare qualche falla di sicurezza grave nel noto browser made in Google, appunto Google Chrome. Già da tempo l’azienda collaborare con il progetto “pwn2own”, un progetto che permetteva a tutti gli esperti di sicurezza informatica di confrontarsi cercando di exploitare i browser piu’ famosi. Google pero’ ha scelto di creare una iniziativa autonoma, appunto, con un milione di dollari in palio. A seconda della gravità del bug scovato verrà assegnato un compenso che parte da un minimo di 20.000 dollari.  Chi riuscirà ad eseguire codice malevolo che arrechi danni al sistema, partendo dalla sandbox del browser riceverà ben 60.000 dollari!. Questa iniziativa, oltre a dimostrare la stabilità del browser, è un ottima strategia commerciale attuata non solo da Google, per correggere bug, sponsorizzare il loro prodotto e trovare futuri addetti alla sicurezza informatica in casa Google. Chiunque fosse interessato a parteciparvi è ancora in tempo, il concorso inizia il 7 marzo. Ci tengo a sottolineare che, l’anno scorso nessuno è riuscito ad exploitare Google Chrome.

Un milione di dollari da Google per un bug

Potrebbero interessarti anche questi altri articoli:

  1. Google Chrome e la sua continua ascesa
  2. Angry Birds sbarca su Google Chrome
  3. Chrome 10: nuova versione di casa Google
  4. Maxi offerta Google per i brevetti Nortel
  5. Google – investimento di 3,5 per gli impianti fotovoltaici
Banner
Scritto da il 28.02.2012 alle 18:41
Tags: / / / /
 

Scrivi il tuo commento...