Il blog dedicato al mondo della tecnologia
0
 

Un blogger egiziano il personaggio più influente del 2011 secondo il Time

Banner

Wael Ghonim, un nome che ai più non dirà assolutamente nulla eppure è stato scelto proprio lui dal Time come personaggio più influente dell’anno. Ghonim infatti oltre essere un manager di Google è stata una delle voci più autorevoli durante la rivolta che ha portato alle dimissioni di Mubarak in Egitto. Sono state proprio le sue parole attraverso internet a fomentare una parte della rivolta, parole che gli sono costate il carcere che non ha interrotto la sua, come di un intero popolo, voglia di libertà. Ghonin nella classifica ha scalzato nomi ben più noti come Zuckerberg, fondatore di Facebook, o Julian Assange creatore di Wikileaks, ma con la sua vittoria il Time è come se avesse voluto mandare un segno e far capire come anche una singola e sconosciuta voce, se dice cose giuste, può avere la forza di essere ascoltato da molti. Le parole di Ghonim sono state riconosciute come un simbolo della rivolta pacifica del popolo egiziano, il modo migliore per un popolo di esprimere il suo dissenso verso il regime dittatoriale egiziano e che è stato anche di ulteriore stimolo per altri paesi nordafricani per esprimere tutta la loro insoddisfazione verso i loro governi rei di non rappresentare più, o di non averlo mai fatto, i veri desideri del loro popolo. La vittoria di Ghonin rappresenta inoltre l’ennesimo modo di dimostrare la forza della parole su internet, una forza che supera le barriere spaziali e geografiche e in grado di unire tra di loro chiunque abbia lo stesso obiettivo comune. Un giorno si ripenserà alle rivolte africane e ce le ricorderemo non solo per le atrocità di cui sono vittime i loro popoli ma anche per la silenziosa forza del popolo del web.

Potrebbero interessarti anche questi altri articoli:

  1. “Il cloud computing cambierà la vita di tutti” secondo Eric Schmidt
  2. Video ufficiale del nuovo iPad 2
  3. Web e Comunicazione – se ne discute al Festival del Giornalismo
  4. La violenza della non Privacy – la puntata di Report sui pericoli del web
  5. YouTube Copyright School contro le violazioni del diritto autoriale
Banner
Scritto da il 21.04.2011 alle 19:17
Tags:
 

Scrivi il tuo commento...