Il blog dedicato al mondo della tecnologia
0
 

Maxi offerta Google per i brevetti Nortel

Banner

La notizia ha lasciato spiazzati anche i più navigati esperti del settore. Da quanto è trapelato Google è seriamente intenzionata a acquisire oltre 6.000 brevetti della Nortel in ambito delle telecomunicazioni per la incredibile cifra di 900 milioni di dollari. A parte l’altissimo costo ciò che stupisce è una netta virata della strategia aziendale di Google, intenzionato ad espandere notevolmente i suoi campi di interesse. Per quanto riguarda la Nortel si tratta di un’azienda canadese nata nel 1985 che in oltre 100 anni di vita ha saputo reiventarsi imponendosi come colosso nel campo delle telecomunicazioni, fino al 2009, anno della crisi finanziaria globale, che inevitabilmente colpisce anche la Nortel che si vede costretta a dichiarare la bancarotta. Nonostante il tracollo economico ciò che rende la Nortel appetibile per eventuali compratori sono proprio i brevetti che in questi anni è riuscita a sviluppare, tecnologice futuristiche che farebbero gola a molti e destinate a evolversi nei prossimi anni. Ci riferiamo ad esempio alle reti per cellulari 4G oppure alla LTE, Long Term Evolution meglio nota come la tecnologie per le reti di quarta generazione che assicura vette di velocità fin ora inimmaginabili. Ed è prorpio su questo che Google vuole mettere le mani, consapevole che con tale tecnologia protrebbe ulteriormente migliorare i suoi prodotti di punta come il browser Chrome o gli smarthphone Android. L’unico imprevisto per Google sembra essere un accordo siglato nel 2006 con la Microsoft per la condivisione di brevetti, accordo che appunto costringerebbe Google se decidesse realmente di aggiudicarsi i brevetti Nortel, a condividerli con uno dei suoi maggiori concorrenti, ironia della sorte. Non resta che attendere quali saranno le sorti di quella che si preannuncia come un’asta di dimensioni spropositate considerando la posta in palio. E c’è da scommettere che colossi come la Apple, la Microsoft o la Nokia non resteranno a guardare.

Potrebbero interessarti anche questi altri articoli:

  1. Micorsoft contro Google – ennesimo scontro
  2. Steve Jobs come possibile CEO di Google
  3. Larry Page è il nuovo CEO di Google
  4. Google vs Cina – la guerra continua
  5. Street View – la Francia multa Google
Banner
Scritto da il 06.04.2011 alle 12:09
Tags: /
 

Scrivi il tuo commento...