Il blog dedicato al mondo della tecnologia
0
 

Facebook – sono 250 milioni gli utenti che si connettono col cellulare

Banner

Facebook – sono 250 milioni gli utenti che si connettono col cellulare. Un numero che lascia sorpresi. 250 milioni. E’ quello degli utenti che abitualmente si connettono a Facebook attraverso dispositivi cellulari, soprattutto considerando che il numero complessivo degli iscritti è di 600 milioni.

Facebook – sono 250 milioni gli utenti che si connettono col cellulare

Anche per questo Facebook ha fatto sapere attraverso un comunicato che dedicherà maggiori energie e tempo alla creazione di applicazioni in grado di migliorare la navigazione con l’uso di dispositivi mobili, considerando quanto sia affezionata la sua clientela alla navigazione “on the road”. Facebook è in continua crescita, i suoi sviluppatori sono in continuo lavoro per offrire facebook su più piattaforme. Ecco alcuni dati sul social network: Poi ci sono 250 milioni di foto caricate ogni giorno. Sarebbe interessante porre un confronto rispetto agli aggiornamenti di stato. Ci sono anche 2,7 milioni di like al giorno e 37 milioni di Pagine che ogni giorno ricevono 10 o più likes. Sul lato mobile sono cresciuti non più 250 milioni ma il precismente il doppio, gli utenti sono 425 milioni al giorno. Tutti questi numeri da primato contribuiscono a generare un profitto da primato: nel 2009 il guadagno netto di Facebook era a 229 milioni di dollari, nel 2010 era già salito a 606 milioni e nel 2011 è balzato a 1 miliardo. Una vera è propria macchina per fare milioni anzi miliardi di dollari una bella invenzione per un ragazzino.

Facebook – sono 250 milioni gli utenti che si connettono col cellulare cosa ne pensi?

Potrebbero interessarti anche questi altri articoli:

  1. Facebook e l’affollamento cittadino
  2. Facebook- riassunto delle puntate precedenti
  3. Utenti sceglieranno Apple o Jobs
  4. Facebook elimina lo strumento per convertire i profili
  5. Amore su Internet – gli Americani ci ripensano
Banner
Scritto da il 02.04.2011 alle 12:18
Tags: /
 

Scrivi il tuo commento...