Il blog dedicato al mondo della tecnologia
0
 

Censura per un bacio gay su Facebook

Banner

Affrontare l’argomento Facebook vuol dire anche imbattersi in milioni di pagine fan che per un motivo o per l’altro destano polemiche. Anche se spesso evitabili. E in ambito di polemiche stupisce la scelta di alcuni moderatori del popolare social network di cancellare una pagina fan in cui compariva una foto di due uomini che si baciavano. La pagina in questione era stata creata come sorta di protesta contro le ripetute discriminazioni a sfondo omosessuale avvenute in un pub londinese. Dopo l’imminente cancellazione della foto incriminata subito si sono mossi gruppi di attivisti per protestare platealmente contro i responsabili accusandoli di un atteggiamento palesemente omofobo e che va contro quasiasi tipo di diritto che è concesso agli utenti di Facebook, non avendo la foto suddetta potuto offendere nessuno. Questo uno dei motivi a causa del quale è possibile da parte dei moderatori cancellare video, immagini e quantaltro che possano offendere l’altrui sensibilità. Facebook dal canto suo, dopo il trambusto causato dalla cancellazione, si è subito preventivato di informare che la cancellazione è avvenuta solo per sbagli tecnici, trattandosi di un errore umano degli addetti alla moderazione. Ma nonostante le dichiarazioni di facciata il dubbio permane. Forse Facebook ingenuamente ha deciso di cancellare la foto catalogandola come contenuto per adulti e quindi immediatamente scartabile, pensando che non si sarebbe creato un tale clamore, per poi tornare su suoi passi e non esser accusato di qualcosa che minerebbe pesantemente l’immagine della società. Forse è così, o forse è altro ancora. La verità di solito sta nel mezzo.

Potrebbero interessarti anche questi altri articoli:

  1. Virus facebook tag foto
  2. Allerta Foto-Spam su Facebook
  3. Facebook le cose che è meglio non pubblicare
  4. Vedere profili privati facebook
  5. Virus chat facebook ecco l’antivirus 2011
Banner
Scritto da il 21.04.2011 alle 23:19
Tags:
 

Scrivi il tuo commento...